Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_bucarest

La Poesia e la Gloria. L’Eneide di Virgilio incisa da Bartolomeo Pinelli

Data:

10/02/2010


La Poesia e la Gloria. L’Eneide di Virgilio incisa da Bartolomeo Pinelli

A cura di Arianna Sartori

Con il patrocinio dell'Accademia Nazionale Virgiliana di Mantova

Indirizzo di saluto del prof. Alberto Castaldini, direttore dell'Istituto Italiano di Cultura

Presentazione della mostra - prof. Rodolfo Signorini (Accademia Nazionale Virgiliana di Mantova).

La mostra vede esposte le 50 splendide acqueforti di Bartolomeo Pinelli, incise per l'Eneide di Virgilio, il celebre poema epico latino che narra le origini di Roma. L'opera, tradotta dal parmigiano Clemente Bondi, venne edita a Roma nel 1811. Esse rappresentano una mostra di assoluto rilievo dedicata al grande incisore romano Bartolomeo Pinelli (1781-1835). Pinelli fu il più grande illustratore di Virgilio e un disegnatore geniale, capace con il suo segno straordinario di animare i personaggi dei testi classici. La serie di incisioni nacque grazie alla lettura del testo e Pinelli ebbe la capacità di interpretare e inventare situazioni, trasformarle in disegni.
Le straordinarie doti di Pinelli, lo resero capace di costruire perfette sceneggiature: nel caso dell’Eneide, cinquanta tavole ricche di personaggi classicheggianti, realizzati con anatomie perfette. Quelli di Pinelli non sono solo generici personaggi dell’antichità, ma veri e propri eroi capaci di sentimenti e di emozioni autentiche.

Bartolomeo Pinelli (Roma, 20 novembre 1781 – Roma, 1 aprile 1835) è stato un incisore, pittore e ceramista italiano. Artista grafico produsse circa quattromila incisioni e diecimila disegni. Nelle sue stampe ha illustrato i costumi dei popoli italiani, i grandi capolavori della letteratura: Virgilio, Dante, Tasso, Ariosto, Cervantes, Manzoni, e soggetti della storia romana, greca, napoleonica. Il tema in generale più ricorrente è Roma, i suoi abitanti, i suoi monumenti, la città antica e quella a lui contemporanea.

ingresso libero

Informazioni

Data: da Mer 10 Feb 2010 a Gio 25 Feb 2010

Orario: Alle 18:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Bucarest

In collaborazione con : Associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani

Ingresso : Libero


Luogo:

Sede dell'Istituto

294