Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_bucarest

Spettacolo "Il Caravaggio: ombre, luci, musica"

Data:

01/06/2010


Spettacolo

Ensemble Festeggio Armonico" in collaborazione con Franco Palmieri (attore)

Evento organizzato nell'ambito del Festival Italiano

Lo spettacolo è organizzato in occasione del quattrocentesimo anniversario dalla morte di Michelangelo Merisi detto il Caravaggio. Grazie ad un’attenta ricerca di carattere musicologico ed iconografico, l’Ensemble Festeggio Armonico presenta un programma di musica strumentale italiana dei secoli XVI e XVII che, per area geografica, epoca ed attinenza con le sue opere, lo stesso Caravaggio avrebbe potuto ascoltare durante il corso della sua vita travagliata. Avvalendosi inoltre dell’ausilio di proiezioni-video di opere dell’artista e letture di autori coevi affidate all’attore Franco Palmieri, lo spettacolo si presenta come un suggestivo itinerario nel contesto musicale e culturale di una delle figure più controverse ed affascinanti della storia dell’arte.



Programma

Anomino (sec. XVI)
Sinfonia a tre (Manoscritto 3219 – Biblioteca Altaemps – Roma)

Girolamo Frescobaldi
Canzona duodecima detta la Todeschina, a 2 canti
Il primo libro delle canzoni, Roma 1628

Girolamo Kapsberger (1580-1651)
Toccata “l’Arpeggiata”
Libro primo d’intavolatura di chitarrone, Roma 1604

Francesco de Layolle (1492 – 1540)
“Lasciar il velo”diminuzione strumentale Andrea Falconieri (1585 – 1656)
Brando dicho el Melo Libro primo di canzoni, Napoli 1655

Ignaz Franz von Biber (1644 – 1704)
“Passacaglio” per clavicembalo solo

Girolamo Frescobaldi (1583-1643)
Canzon seconda a 2 canti Canzoni da sonare, Venezia 1634

Diego Ortiz (1510-1570)
Basso di Follia, diminuzione strumentale Diminuzioni tratte da: Sylvestro Ganassi “La Fontegara”, Venezia 1535

Andrea Falconieri

Battalla de Barabaso yerno de Satanas Libro primo di canzoni, Napoli 1655

Letture tratte da:

Giovanni Pietro Bellori:
“Vite de’ pittori, scultori, e architecti moderni”, Roma 1672
Giovanni Baglione:
“Le vite de' pittori, scultori et architetti”, Roma 1642
Giulio Mancini "Alcune considerazioni appartenenti alla pittura", 1621
Joachim von Sandrart "L'Accademia todesca dell'architettura, scultura e pittura", Norimberga,1675

Ensemble Festeggio Armonico

Giorgio Ferraris: teorba si chitara baroca
Lorenzo Lio: flauto dolce
Mario Lacchini: flauto dolce
Franz Silvestri: clavecin

Diego Cantalupi, tiorba e chitarra barocca Lorenzo Lio, flauto dolce Mario Lacchini, flauto dolce Franz Silvestri, claviorgano "Festeggio Armonico" è nato da un’idea di un gruppo di musicisti milanesi da tempo attivi in numerose ed affermate formazioni operanti nell’ambito della musica antica italiana, con l’intento di privilegiare la pratica esecutiva della musica orchestrale e da camera italiana e tedesca del XVII e XVIII secolo. L’utilizzo di strumenti originali o copie di essi conferisce alle esecuzioni dell’ensemble una particolare chiarezza formale e strutturale nel pieno rispetto delle sonorità originali. Gli strumentisti che lo compongono si sono formati presso Conservatori Italiani ed esteri specializzati nella prassi esecutiva della musica antica ed hanno in seguito arricchito le loro esperienze di studio con i più validi interpreti a livello internazionale, quali ad esempio B. Kuijken, M. Hantai, P. Memelsdorff, T. Koopman.

Franco Palmieri, forlivese, si è laureato presso l’Università degli Studi di Bologna in Storia del Teatro. Nel 1977 partecipa al Primo Atelier Internazionale del Terzo Teatro, diretto da Eugenio Barba a Bergamo, mentre nel 1978 organizza la prima tournèe italiana del gruppo peruviano Cuatrotablas. Partecipa a stages di lavoro con Roy-Art (Francia), Academia Ruku (Polonia), Odin Teatret (Danimarca) e Teatr Laboratorium di J. Grotowski presso la Biennale di Venezia. Nel corso degli anni Ottanta e Novanta segue da vicino gli sviluppi del teatro dell’Est dell’Europa, in particolare con il Teatro Stary di Cracovia. Dal 1994 al 2000 diviene direttore artistico del Teatro dell’Arca. Nel 1997 e 1998 è direttore artistico del Carnevale alla Fortezza, organizzato dal Comune di Firenze. Nel 2000 interpreta la parte di Paolo Giovio nel film di Ermanno Olmi “Il mestiere delle armi”, mentre nel 2001 interpreta la parte di Martino nel film “Da zero a dieci” di Luciano Ligabue.

ingresso libero

Informazioni

Data: Mar 1 Giu 2010

Orario: Alle 18:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Bucarest

In collaborazione con : -

Ingresso : Libero


Luogo:

Sede IIC

315