Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_bucarest

Storia dell'Italia del XX° secolo

Data:

01/11/2010


Storia dell'Italia del XX° secolo

Serie di film documentari sulla storia d'Italia

Lunedì 8 novembre
Stato e società nell’età giolittiana

Nel primo decennio del Novecento, i lavoratori, i nuovi imprenditori, gli intellettuali dimostrano grande capacità di iniziativa: Giolitti cerca di rispondere alle loro esigenze proponendosi di far funzionare la macchina dello Stato e di attenuare i conflitti sociali.
Le parole e le immagini testimoniano la situazione di grave arretratezza delle regioni meridionali, dove finalmente lo Stato interviene in questi anni con riforme organiche, ma da cui ancora centianaia di migliaia di contadini sono costretti ad emigrare. Un decennio essenziale quindi per comprendere le caratteristiche iniziali di un periodo che snoderà poi attraverso tutti i grandi avvenimenti del secolo.




Italia 1994; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici durata: 30 min.
film in lingua italiana

ll problema dell’identità nazionale

Una volta concluso il Risorgimento, la presenza di una radicata tradizione cattolica e successivamente la diffusione dell’ideologia socialista non favorirono lo sviluppo di un’identità nazionale. Il nazionalismo italiano si alimenterà di simboli e miti ma non diventerà un fenomeno di massa. Sarà la guerra di Libia, ma, soprattutto, la Grande Guerra a contribuire in modo decisivo alla formazione di una coscienza nazionale in tutti gli italiani.

Italia 1994; Istituto Luce, Roma r
egia: Folco Quilici
durata: 30 min.
film in lingua italiana



Lunedì 15 novembre
L’Italia in guerra. Dall’intervento a Caporetto

 Nel maggio 1915, quando l’Italia entra in guerra contro l’Austria, in Italia si crede ancora che sia possibile concludere rapidamente la guerra. Ma dopo due anni e mezzo di guerra l’Italia è sul punto di vacillare. Proprio in questo difficile frangente gli austriaci e i tedeschi sferrano, il 24 ottobre 1917, una poderosa offensiva. E’ la vigilia delle drammatiche giornate di Caporetto.

Italia 1995; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata: 30 min.
film in lingua italiana


La recessione economica

All’indomani della guerra, l’Italia annovera un sistema industriale che ha rafforzato le sue strutture grazie all’eccezionale sviluppo degli investimenti, cresciuti tra il 1915 e il 1918, di sedici volte.
Alle fortune di molte imprese ha contribuito, in modo rilevante, il sistema adottato dal governo per ottenere i materiali occorrenti per l’esercito al fronte. L’Italia riesce così a portare a termine la rivoluzione industriale, ma pesanti sono i problemi che il conflitto ha lasciato in eredità: contro il continuo aumento del costo della vita si succedono scioperi e agitazioni, l’abbassamento del tenore di vita del ceto medio s’intreccia sempre di più al timore di un declassamento sociale. Si accentua così anche l’instabilità politica e la vulnerabilità delle istituzioni democratico-parlamentari. I primi segni di ripresa economica, tra la fine del 1921 e la primavera del 1922, giungeranno troppo tardi per evitare il collasso del sistema liberale provocato dai numerosi motivi di debilitazione e di crisi che si erano accumulati dal dopoguerra.

Italia 1995; Isttituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata: 30 min.
film in lingua italiana



Lunedì 22 novembre
Reazione Fascista e crisi dello stato liberale

Con il fallimento dell’occupazione delle fabbriche nel 1920 si è esaurito il sussulto rivoluzionario della classe operaia; il movimento fascista darà vita ad una vigorosa controffensiva.

Italia 1995; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata: 30 min.
film in lingua italiana


Il primo Mussolini

Con le elezioni del 15 maggio 1921, la politica di Mussolini comincia a dare i suoi frutti: i “Blocchi nazionali” portano in Parlamento 275 deputati, di qui 45 tra fascisti e nazionalisti. Il passo successivo fu la trasformazione del movimento fascista in partito, sancita con il Congresso romano dell’Augusteo (novembre 1921). Di fatto, il Congresso dell’Augusteo consegna nelle mani di Mussolini un’arma – il partito – con la quale tentare la conquista del potere.

Italia 1995; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata: 30 min.
film in lingua italiana



Lunedì 29 novembre
Il fascismo al potere

Nella presa del potere, Mussolini e il fascismo sono stati indubbiamente favoriti, a livello di opinione pubblica, da un generale clima di stanchezza che, iniziato con tre anni e mezzo di guerra, era proseguito con due anni di violenze “rosse” e altri due di reazione fascista.

Italia 1995; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata: 30 min.
film in lingua italiana


Gli intellettuali e il fascismo

Per costruire un consenso e per plasmare la società italiana secondo i suoi obiettivi, il fascismo di fatto crea una serie di strumenti operativi. L’impegno maggiore del “regime” va, certo, agli strumenti rivolti alla creazione del consenso di massa, ma la conquista del consenso degli intellettuali non è un obiettivo secondario.

Italia 1995; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata: 30 min.
 film in lingua italiana



Lunedì 6 dicembre
La costruzione dello stato totalitario

Nel suo cammino verso l’istaurazione di un “regime” totalitario e autoritario di massa, il fascismo ha cercato di troncare tutti i ponti con il passato. In questa corsa all’affermazione del totalitarismo e al conseguimento di un monopolio del potere, il fascismo agisce indubbiamente con mano pesante nei confronti di qualsiasi tipo di opposizione politica organizzata.
Nel portare a termine tale processo il fascismo si identifica gradualmente nello Stato e non nel partito. Tale identificazione trova il proprio strumento visibile nella figura stessa di Mussolini.

Italia 1995; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata: 30 min.
film in lingua italiana


L’antifascismo e gli esuli

Ad allontanarsi per primi dall’Italia sono noti antifascisti come Giovanni Amendola, Piero Gobetti, Giuseppe Donati, Carlo Sforza, Alberto Cianca, Ignazio Silone. A Parigi, nel 1927, nasce la “Concentrazione antifascista” e, sempre a Parigi, il Partito Comunista crea un centro estero.
Storia segnata da coraggio e generosità, quella degli esuli antifascisti in Francia, ma anche da divisioni interne che portano, nel maggio del 1934, allo scioglimento della “Concentrazione antifascista”.

Italia 1995; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata 30 min.
film in lingua italiana



Lunedì 13 decembrie
Dalla non belligeranza all’intervento

I mesi che vanno dalla dichiarazione della “non belligeranza” (settembre 1939) all’entrata in guerra dell’Italia (giugno 1940) sono contrassegnati da continue oscillazioni della politica interna ed estera italiana, un vero e proprio “campionario” delle contraddizioni politiche e personali di Mussolini e del regime fascista.

Italia 1997; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata: 30 min.
film in lingua italiana


Un paese in guerra

“Un’ora segnata dal destino batte nel cielo della nostra patria, l’ora delle decisioni irrevocabili”. Così Mussolini annuncia, il 10 giugno 1940, l’intervento in guerra dell’Italia, a fianco della Germania nazista, contro la Francia e la Gran Bretagna. Gli italiani che, nella grande maggioranza, hanno vissuto sino a quel momento in un’atmosfera tesa e preoccupata, angosciati dallo spettro di un’altra guerra, ora pensano che l’Inghilterra sia ormai alle corde e che basti una spallata: quella appunto che può dare l’Italia.

Italia 1997; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata: 30 min.
film in lingua italiana



Lunedì 20 dicembre
Salò e la “guerra civile”

Dopo la liberazione da parte dei tedeschi a Campo Imperatore (12 settembre 1943) Mussolini è posto da Hitler davanti ad una secca alternativa: o accettare di tornare in Italia alla guida di un governo che prosegua la guerra a fianco della Germania, o esporre l’Italia alle dure ritorsioni delle truppe hitleriane. Mussolini è convinto che il suo nuovo apparato sociale, la Repubblica Sociale Italiana, non può costituire la resurrezione del fascismo. Ma il prezzo pagato per la scelta del settembre 1943 è troppo altro: lo scatenarsi di una guerra civile che, senza la Repubblica Sociale, non avrebbe avuto senso o avrebbe lasciato il passo ad una guerra di liberazione dall’occupante.

Italia 1997; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata: 30 min.
film in lingua italiana


Gli alleati, la resistenza e la liberazione

Dopo l’8 settembre, precipitata l’Italia nel caos più totale, l’unica voce che si leva, per chiamare gli italiani alla lotta e alla resistenza, è quella del fronte antifascista.
I venti lunghi mesi di lotta fra l’8 settembre 1943 e il 25 aprile 1945, segnano, insieme con la liberazione della Penisola dall’invasore tedesco, il definitivo riscatto dell’Italia dalla dittatura e il ripristino delle istituzioni democratiche.

Italia 1997; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata: 30 min.



Lunedì 10 gennaio
Nord e sud

A cominciare dal 1950 varie riforme hanno come scopo quello di sollevare le condizioni economiche e sociali delle popolazioni del Mezzogiorno. Tuttavia i grandi complessi, soprattutto siderurgici e petrolchimici, non possono dar luogo ad un’industrializzazione territorialmente diffusa nè a una forte occupazione. La perdita di un’occasione storica di sviluppo provoca il dramma psicologico e sociale dell’emigrazione di contadini meridionali verso le grandi città del Nord. La questione meridionale non trova ancora una soluzione definitiva, come dimostra, all’inizio degli anni Sessanta, la forte differenza di reddito tra le popolazioni del Nord e del Sud.

Italia 1998; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata 30 min.
film in lingua italiana


L’Italia e la Comunità Europea

La “cortina di ferro” che divide nell’immediato dopoguerra il mondo occidentale da quello orientale, spacca il vecchio continente in due parti distinte e contrapposte. L’idea di una nuova Europa retta da vincoli di solidarietà in opposizione ai ricordi del nazionalismo e del totalitarismo, è condivisa nel secondo dopoguerra da uomini come: Luigi Einaudi, Benedetto Croce, Gaetano Salvemini, Pietro Calamandrei.

Italia 1998; Istituto Luce, Roma
regia: Folco Quilici
durata: 30 min.
film in lingua italiana

Informazioni

Data: da Lun 1 Nov 2010 a Lun 10 Gen 2011

Orario: Alle 18:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura "Vito Grasso" di Bucarest

In collaborazione con : -

Ingresso : a pagamento


Luogo:

Sede IIC, Aleea Alexandru nr. 41, Bucarest

336