Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_bucarest

Constantin Brâncuși e Osvaldo Licini: un rapporto inedito

Data:

04/06/2015


Constantin Brâncuși e Osvaldo Licini: un rapporto inedito

conferenza del prof. Giulio Angelucci

L’Istituto Italiano di Cultura ospiterà una conferenza del prof. Giulio Angelucci, storico dell’arte, sulla relazione tra Constantin Brâncuşi e Osvaldo Licini.
Le ricerche effettuate dal prof. Angelucci hanno consentito di ricostruire la relazione intercorsa tra il grande artista rumeno e Osvaldo Licini (1894-1954), Medaglia d’oro Gran Premio Internazionale per la Pittura alla Biennale di Venezia del 1958. Si tratta di uno dei pochissimi artisti (insieme a Lucio Fontana, Fausto Melotti e Bruno Munari) che nell’Italia degli Anni Trenta abbiano fatto arte astratta.
Licini aveva frequentato Constantin Brâncuşi a Parigi, dopo averlo conosciuto nel 1917 grazie ad Amedeo Modigliani. I primissimi lavori astratti di Licini mostrano chiari riferimenti all’opera di Brâncuşi, ed anche la sua opera successiva, dai tratti del tutto autonomi e personali, evidenzia l’importanza di quel contatto iniziale.
Nel contesto della cultura artistica europea del Novecento, il rapporto tra i due artisti conferma quindi la vitalità della radice antica che unisce la cultura rumena a quella italiana, tuttora capace di produrre frutti di assoluto rilievo.

ingresso libero

Informazioni

Data: Gio 4 Giu 2015

Orario: Alle 18:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura

In collaborazione con : -

Ingresso : Libero


Luogo:

Sede dell'Istituto - Aleea Alexandru 41

506