Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_bucarest

“Il Decameron parla con Fellini, Pasolini e i fratelli Taviani”

Data:

17/10/2017


“Il Decameron parla con Fellini, Pasolini e i fratelli Taviani”

17 ottobre 2017, ore 19.00 – Sede IIC, Aleea Alexandru 41, Bucarest
Conferenza “Il Decameron parla con Fellini, Pasolini e i fratelli Taviani”
della prof.ssa Oana Boșca-Mălin (Cattedra di Italiano, Università di Bucarest)
ingresso libero

Il Decameron di Giovanni Boccaccio, opera innovativa diventata canonica nella storia della letteratura italiana, ha rappresentato una fonte di ispirazione non soltanto nell’ambiente delle belle lettere, ma anche in quello delle belle arti e, nel Novecento, anche per il cinema. Da tutta la serie di film dedicati al capolavoro boccaccesco, si tratterà qui di tre pellicole fondamentali tre stili diversi di fare cinema e per tre epoche culturali diverse: il Boccaccio ’70 di Monicelli-Visconti-De Sica-Fellini; Il Decameron di Pier Paolo Pasolini e il Maraviglioso Boccaccio di Paolo e Vittorio Taviani. Il discorso verterà intorno ad argomenti come interpretazione, contemporaneità, tematica, fruizione e, naturalmente, lingua e linguaggio.

Oana Boșca-Mălin è professore associato presso la Cattedra di Italiano della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Bucarest, dove insegna corsi di Cultura e civiltà italiana, di Traduttologia e corsi opzionali di Letteratura e cinema e di Letteratura sul fenomeno della migrazione. Inoltre, insegna un corso di Letteratura e cinema nel programma di master “Società, multimedia e spettacolo” del Centro di Eccellenza nello Studio dell’Immagine (CESI). Ha conseguito nel 2010 il dottorato di ricerca con la tesi “La spettacolarizzazione della narrativa italiana. Tendenze attuali in rapporto ai lettori, al mondo editoriale e alle manifestazioni celebrative”. Nel 2012 è stata insignita del premio “Marian Papahagi” per il suo contributo allo sviluppo dell’italianistica. Interessata soprattutto alla storia delle idee e delle mentalità, all’estetica della ricezione, all’imagologia e alle trascodificazioni tra letteratura e cinema, ha partecipato in modo costante, negli ultimi quindici anni, a conferenze internazionali su temi di letteratura contemporanea, di cultura italiana classica e contemporanea e Cultural Studies. Ha pubblicato presso prestigiose case editrici rumene traduzioni dagli scrittori italiani classici e moderni (Niccolò Machiavelli, Ruzzante, Giacomo Leopardi, Italo Calvino, Melania Mazzucco, Erri De Luca, Pier Paolo Pasolini, ecc.).

Informazioni

Data: Mar 17 Ott 2017

Orario: Dalle 19:00 alle 20:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Bucarest

Ingresso : Libero


Luogo:

Sede dell'Istituto - Aleea Alexandru 41, Bucarest

623